Fmi: netto rallentamento crescita mondiale 2008 inevitabile

mercoledì 23 gennaio 2008 09:17
 

WASHINGTON (Reuters) - Un "significativo" rallentamento nel ritmo della crescita economica globale del 2008 appare inevitabile.

Lo ha detto ieri sera il Fondo monetario internazionale, avvertendo inoltre che ristabilire l'ordine sui mercati finanziari mondiali sarà un compito lungo e complesso.

Il portavoce dell'Fmi Masood Ahmed ha definito il taglio dei tassi di 75 punti base deciso ieri dalla Federal Reserve - il più consistente di oltre 23 anni - "appropriato e utile".

La mossa della Fed è giunta sulla scia dell'ondata di vendite che si è abbattuta sui mercati azionari mondiali tra i timori degli investitori su una possibile recessione negli Usa e le preoccupazioni che il rallentamento dell'economia statunitense possa trascinare con sé il resto del mondo.

"L'indebolimento globale registrato in molti mercati azionari nei giorni scorsi ha sottolineato il peso che l'attuale turbolenza del mercato finanziario rappresenta per le prospettive della crescita globale", ha detto Ahmed in una nota.

"Di conseguenza, un rallentamento significativo dell'espansione globale nel 2008 appare già inevitabile e i rischi al ribasso sono ancora predominanti", ha aggiunto.

Secondo Ahmed il governo Usa dovrebbe adottare misure fiscali "mirate e tempestive" per rilanciare la domanda.

"I prezzi dei mercati finanziari sono coerenti al momento con le aspettative di significativi futuri cali dei tassi", ha dichiarato. "In ogni caso, non ci sono dubbi che la Federal Reserve risponderà con prontezza a nuovi sviluppi fondamentali e finanziari".

Le dichiarazioni precedono un aggiornamento più approfondito, in agenda per venerdì alle 17,00 italiane, sullo stato di salute dell'economia globale e i mercati finanziari.

Nell'ultimo rapporto sulle previsioni economiche globali di ottobre l'Fmi aveva detto di prevedere un rallentamento della crescita mondiale al 4,8% nel 2008 e recentemente ha rivisto le stime 2007 al 4,7% dopo i nuovi dati di Cina e India.

 
<p>Dominique Strauss-Kahn, managing director del Fondo Monetario Internazionale (IMF). La foto &egrave; stata scattata luned&igrave; 21 gennaio a Parigi. REUTERS/Charles Platiau (FRANCE)</p>