Sacconi? Avrei fischiato anch'io, dice Angeletti

domenica 22 giugno 2008 12:34
 

LEVICO TERME (Reuters) - Dopo essersi fatto spiegare le ragioni che ieri hanno scatenato le proteste di alcune persone nei confronti del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, il segretario della Uil, Luigi Angeletti, ha detto che si sarebbe unito anche lui alle proteste.

Angeletti lo ha detto parlando con i giornalisti a margine della Festa della Cisl.

Al sindacalista, i giornalisti hanno riferito che a scatenare le proteste erano state le cose dette da Sacconi, sul tesoretto che non esiste più e sul fatto che i pensionati non sono alla fame. Angeletti ha detto "se ha detto queste cose forse avrei fischiato anch'io".

Sull'atteggiamento di Sacconi ha detto la sua anche il segretario della Cgil, Guglielmo Epifani. Il ministro del Welfare, ha affermato il numero uno della Cgil, ha "un atteggiamento da crociato del quale non s'avverte il bisogno. Così facendo assume un contorno ideologico proprio nel momento in cui ci sono problemi sociali così rilevanti. Bisogna avere la concretezza per poterli affrontare".

Ieri il ministro Sacconi, durante il suo intervento alla festa della Cisl, è stato fischiato da un gruppo di persone a cui ha risposto con un insulto..