Gran Bretagna, Pmi manifattura febbraio cala a 34,7

lunedì 2 marzo 2009 10:48
 

LONDRA, 2 marzo (Reuters) - L'indice Pmi sul settore manifatturiero britannico ha registrato a febbraio un'ulteriore contrazione, con il taglio di posti di lavoro e una flessione della produzione a ritmi record a causa del calo degli ordini.

L'indagine compilata da Markit e Cips ha rilevato il mese scorso una frenata a 34,7 da 35,8 di gennaio, al di sotto delle attese di 35.

E' ormai da dieci mesi che l'indice viaggia sotto la soglia dei 50 che divide contrazione ed espansione e il dato di febbraio è soltanto poco sopra il minimo record toccato a novembre.

Il sondaggio aumenta le aspettative in un nuovo taglio dei tassi di 50 punti da parte della Banca di Inghilterra, che li porterebbe al nuovo minimo storico a 0,5%.

Il calo della domanda ha spinto le società a tagliare posti di lavoro e produzione al ritmo più veloce dall'inizio delle rilevazioni nel 1992.

Tra i singoli comparti il sottoindice sull'occupazione è sceso a 33,3 a febbraio dal precedente 34.

Nei tre mesi fino a dicembre la disoccupazione è salita in Gran Bretagna di quasi 2 milioni di unità e, secondo il membro della Banca d'Inghilterra, David Blanchflower potrebbe superare nel 2010 i 3 milioni.

Il sondaggio rivela anche il fallimento della debolezza della sterlina nell'incoraggiare le esportazioni.