Subprime, tiene settore assicurativo, ma attenzione - Giannini

lunedì 16 giugno 2008 11:48
 

ROMA, 16 giugno (Reuters) - Le assicurazioni italiane sono rimaste indenni rispetto alla crisi finanziaria scatenata dai mutui subprime.

Lo ha detto il presidente dell'Isvap Giancarlo Giannini leggendo la sua relazione annuale sul settore.

"La crisi finanziaria scoppiata nell'agosto del 2007 e tuttora in corso non ha praticamente toccato il sistema assicurativo italiano. L'esposizione potenziale del settore verso attivi connessi a rischio subprime e all'operatività delle cosiddette monoline (le compagnie che garantiscono le emissioni obbligazionarie) è compresa appena tra lo 0,17% e lo 0,21% delle riserve tecniche (cioè tra 750 e 932 milioni a fronte di riserve per 444 miliardi di euro)", ha detto Giannini.

Il presidente dell'Isvap però ha spiegato che "in presenza di una crisi dall'incerta evoluzione la guardia non può essere abbassata".

"Per questo motivo l'Isvap ha chiesto alle imprese di svolgere uno specifico stress test per verificare la tenuta dei ratios patrimoniali in caso di peggioramento della situazione", ha dteto ancora Giannini.

L'Isvap ha ipotizzato un'ulteriore caduta del 35% del mercato azionario e un aumento di 200 punti base del corporate credit spread rispetto ale 31 dicembre 2007: "I risultati appena pervenuti sono confortanti; gli indici di solvibilità rimarrebbero ben al di sopra dei minimi di legge", ha detto Giannini.