Italia ha tassi crescita insoddisfacenti- Pininfarina

venerdì 14 dicembre 2007 10:44
 

ROMA, 14 dicembre (Reuters) - I tassi di crescita previsti per l'Italia per il 2008 e il 2009 sono insoddisfancenti e segnalano ancora il distacco dalle performance degli altri paesi della zona euro.

Lo ha detto Andrea Pininfarina, vice presidente di Confindustria nel corso della presentazione delle nuove previsioni macroeconomiche.

"Dopo due anni di ritrovata crescita, per l'Italia il 2008 si presenta nuovamente problematico", ha detto Pininfarina, ricordando le nuove previsioni appena diffuse di crescita 2008 all'1% dall'1,3% stimato a settembre e di crescita 2009 all'1,4%.

"In ogni caso si tratta di tassi di crescita insoddisfacenti, lontani da quelli degli altri paesi partner e soprattutto da quel che servirebbe per risolvere gli squilibri economici e sociali", ha aggiunto.

Lo scenario del Csc (centro studi Confindustria) si basa su un'ipotesi di un'evoluzione favorevole per la congiuntura americana, la politica monetaria, il dollaro (che rimane ai minimi ma senza ulteriori marcate svalutazioni) e il petrolio (che siallontana dai 100 dollari al barile senza però tornare a buon mercato).

"Non è chiaro se gli Stati Uniti riusciranno ad evitare la recessione, anche se la maggior parte degli analisti propende per un atterraggio morbido. Non è chiaro quanto a lungo si protrarrà la crisi di liquidità, con conseguente aumento del costo del denaro", osserva il vice presidente di Confindustria illustrando lo scenario di base della previsione.

"E' chiaro che il dollaro tenderà a calare. E' chiaro che il petrolio tenderà a rimanere elevato".