Voto, Montezemolo: bene Berlusconi su straordinari e crescita

mercoledì 13 febbraio 2008 13:29
 

ROMA (Reuters) - Il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, plaude della apertura del leader del Pdl, Silvio Berlusconi sulla detassazione degli strordinari e i premi di produttività, ma precisa che la questione cruciale resta la crescita.

"Ho registrato con soddisfazione le parole di Silvio Berlusconi quando ha parlato di detassazione degli straordinari e dei premi aziendali, in linea con quello che è già stato deciso e su cui noi avevamo molto spinto in occasione del protocollo del Welfare", scrive Montezemolo in una dichiarazione dopo che ieri Berlusconi ha detto che per migliorare i salari dei lavoratori dipendenti bisogna iniziare dalla detassazione degli straordinari e dai premi.

Il presidente della Fiat ha precisato che il lavoro dipendente è quello più penalizzato ma gli aumenti salariali devono essere legati alla produttività. "Se non cresce la produttività rischiamo solo di fare delle operazioni elettorali e mettere ancora più in crisi i nostri conti e l'economia". Bisogna spingere sulla crescita e mi fa piacere di aver registrato queste opinioni dal presidente Berlusconi".

"La crescita è il tema numero 1: le previsioni internazionali e nazionali per il 2008 ci preoccupano, e per questo noi abbiamo definito la crescita il vero bene comune. Se non c'è crescita non c'è possibilità di avere risorse per diminuire il debito pubblico per avere più investimenti pubblici, infrastrutture, spesa sociale, solidarietà, ricerca ed istruzione", ha spiegato Montezemolo ricordando che anche la riforma dello Stato deve restare ai primi posti dell'agenda politica.

Le ultime previsioni indicano per il 2008 una crescita del Pil italiano inferiore all'1%, contro l'1,5% stimato dal governo in settembre.

 
<p>Luca Cordero di Montezemolo in una immagine di archivio REUTERS/Max Rossi</p>