Ge non vede ancora crisi fuori Usa - ad a media

venerdì 11 aprile 2008 14:37
 

NEW YORK, 11 aprile (Reuters) - General Electric (GE.N: Quotazione) non vede un rallentamento dell'economia al di fuori degli Stati Uniti. Lo ha detto l'amministratore delegato della società Jeff Immelt in un'intervista successiva alla pubblicazione delle deludenti cifre sugli utili della società, precisando che i consumi Usa sono trattenuti.

"Al di fuori degli Stati Uniti non vediamo ancora un rallentamento" ha detto Immelt a Cnbc, precisando che le azioni delle Fed "sono state giuste" e che non c'era molto altro che l'istituto centrale potesse fare.

La società ha annunciato oggi un'inattesa contrazione del 6% dell'utile del primo trimestre. Lo stesso Immelt di è detto deluso dai risultati. Il rallentamento dell'economia americana e la crisi del credito hanno infatti penalizzato la redditività delle sue controllate finanziarie, industriali e healthcare, spingendo la conglomerata a rivedere al ribasso anche le previsioni per l'esercizio.

L'ad, commentando i risultati societari, ha detto che marzo "si è rivelato un mese difficile nelle ultime due settimane" per i settore dei servizi finanziari e che questo periodo ha registrato un calo anche nel commercio, nei beni durevoli e nel settore della sanità.

"Da un punto di vista industriale la società starà bene" ha detto Immelt, aggiungendo di voler ricostituire la fiducia degli investitori nel corso dei prossimi nove mesi.