Inflazione, balzo gennaio potrebbe essere un picco - Isae

martedì 5 febbraio 2008 16:48
 

ROMA, 5 febbraio (Reuters) - Il balzo dell'inflazione in gennaio, che con un tendenziale del 2,9% ha toccato il massimo dal 2001, potrebbe preludere a un rallentamento della dinamica dei prezzi già a partire da febbraio.

Lo dice in una nota l'Isae, l'Istituto di analisi economica.

"Se si dovesse confermare il rientro del petrolio dai valori eccezionalmente elevati di fine 2007-inizio 2008, il dato dell'inflazione di gennaio potrebbe costituire un massimo", dice Isae nella nota.

"Qualche segnale in questa direzione si può evincere dalle inchieste Isae: gli indicatori delle aspettative di inflazione degli operatori sembrerebbero infatti delineare per i prossimi mesi uno scenario per gli sviluppi dei prezzi appena meno preoccupante dell'attuale".

"In base alle inchieste Isae condotte a inizio anno, per le imprese manifatturiere che operano nel comparto produttivo dei beni destinati al consumo finale si è arrestata la diffusione delle intenzioni di rialzo dei listini di vendita da qui all'inizio della primavera e le attese sono risultate stabili, pur confermandosi sui livelli (storicamente elevati) toccati nell'autunno scorso", continua la nota.

"Per i consumatori, le cui aspettative abbracciano un orizzonte temporale più lontano, la dinamica prospettica dell'inflazione è attesa ridimensionarsi leggermente. In particolare, un quarto degli intervistati si attende una stabilità dei prezzi nei prossimi dodici mesi, mentre la quota di chi si aspetta rincari più o meno intensi si è ridotta al 64% (72% a fine 2007)", conclude Isae.