PUNTO 1 - Pmi servizi Italia,contrazione a maggio per sesto mese

mercoledì 4 giugno 2008 11:47
 

(Riscrive con commento analisti)

MILANO, 4 giugno (Reuters) - Il quadro di generale debolezza dell'economia ricade sul terziario italiano trattenendolo in maggio al di sotto del discrimine di 50 per il sesto mese consecutivo.

Dopo il debole Pmi manifattura, anche il sondaggio relativo al settore servizi evidenzia quindi una contrazione con l'indice generale in calo a 48,1 dal 49,8 del mese di aprile, ancora al di sotto della soglia critica che separa la contrazione dall'espansione. Il dato ha deluso le attese per una lettura a 49,5. "La situazione attuale crea degli shock che colpiscono l'economia in tutti i settori" dice Lavinia Santovetti di Lehman Brothers. "Il settore manifatturiero risente del calo della domanda estera, ma anche dal declino dei consumi interni, declino destinato ad accentuarsi in risposta all'inflazione e a un mercato del lavoro che sembra pronto a indebolirsi ulteriormente".

SOTTOINDICE OCCUPAZIONE AI MINIMI DA 2005

Il declino dell'occupazione porta infatti il capitolo al minimo dall'agosto del 2005. Gli eccessi nelle capacità produttive e la drastica riduzione delle commesse ancora inevase hanno dato luogo alla più grande perdita di posti di lavoro da ben 33 mesi, con l'indice relativo all'impiego che si è attestato a 48,1 da 50,1 di aprile.

"Il campanello di allarme è sull'occupazione: per ora il mercato del lavoro ha tenuto però c'è qualche segnale per cui la tendenza dei prossimi mesi potrebbe deteriorarsi" dice Paolo Mameli di Intesa Sanpaolo.

Proprio il mercato del lavoro, secondo Marco Valli di Unicredit, rischia di impantanarsi in un sistema di rallentamento.   Continua...