Eurogruppo al via, apprezzamento cambio preoccupa anche Bce

lunedì 3 marzo 2008 19:16
 

BRUXELLES, 3 marzo (Reuters) - L'ennesima corsa del cambio arriva a preoccupare il banchiere centrale europeo, portando l inquilino dell'Eurotower tradizionalmente più che abbottonato a esternare in sede di Eurogruppo i timori della Bce di fronte a un apprezzamento della valuta unica che pare destinato a non arrestarsi.

Le parole di Jean-Claude Trichet fanno eco a quello di Mr Euro, Jean-Claude Juncker, mentre il messaggio del commissario agli Affari economici e monetari Joaquin Almunia si limita a ribadire l'auspicio che i cambi riflettano i fondamentali dell'economia.

Il numero uno Bce si rivolge direttamente ai cronisti all'entrata dei lavori di questa sera a Bruxelles.

"Nelle circostanze attuali ritengo molto importante quanto affermato e riaffermato dalle autorità Usa, compreso il segretario al Tesoro e il presidente degli Stati Uniti, secondo cui la politica del dollaro forte è nell'interesse degli Stati Uniti d'America", dice.

"Sto iniziando a diventare sempre più preoccupato e attento", chiosa il presidente dell'Eurogruppo.

Sullo sfondo della riunione informale dei tredici ministri finanziari Uem si stagliano la nuova fiammata di euro e greggio, un'inflazione stabile il mese scorso al record di 3,2% insieme a nuovi segnali di rallentamento della crescita come l'indagine sullo stato di salute del manifatturiero al minimo degli ultimi quattro anni e mezzo.

Bruciando i picchi precedenti, la valuta unica si è spinta oggi in territorio ampiamente inviolato con un massimo a 1,5275 dollari secondo gli schermi Reuters.

Ai commenti del banchiere centrale europeo ha intanto risposto il titolare al Tesoro Usa Henry Paulson, che da Washington ha ripetuto il refrain della valuta forte: "Un dollaro forte e nell interesse del Paese", spiega in un intervista a Bloomberg Tv.

"I fondamentali di lungo termine dell'economia Usa sono molto solidi e saranno riflessi nel nostro cambio", aggiunge.

Secondo il direttore del Fondo monetario internazionale Dominique Strauss-Kahn, intervenuto stamane su Le Monde, la valuta unica europea è sopravvalutata.