Governo cambi manovra o Cgil non starà ferma - Epifani

giovedì 3 luglio 2008 13:08
 

ROMA, 3 luglio (Reuters) - La Cgil non starà "ferma" se il governo non modificherà la manovra economica triennale "sbagliata e inadeguata" per pensionati e lavoratori.

In particolare la Cgil propone di detassare la tredicesima 2008 per rilanciare i consumi.

Lo ha detto oggi il segretario della confederazione, Guglielmo Epifani, senza però parlare apertamente di sciopero.

"Se il governo non cambia la qualità delle misure [previste nella manovra] la Cgil non potrà far finta di nulla", ha detto Epifani in una conferenza stampa.

A chi gli chiedeva se ciò significhi indire uno sciopero - peraltro già annunciato da Cgil, Cisl e Uil per protestare contro l'indirizzo economico del precedente governo di centrosinistra - Epifani ha risposto: "Se non cambiano i provvedimenti la Cgil non starà ferma. Cosa voglia dire lo decideremo e lo valuteremo più in là".

Quanto al patto sulla crescita che il governo ha detto di voler siglare con le parti sociali entro l'estate, Epifani ha detto: "Il governo ha detto che ci convocherà. Aspetto di sapere se lo farà e cosa propone. Noi faremo le nostre proposte e se il governo non le raccoglierà ne trarremo le conseguenze".

Il ministro dell'Economia, Giulio "Tremonti, propone di rimandare a quando ci sarà la crescita la redistribuzione fiscale; noi proponiamo la ditribuzione fiscale per attivare la crescita", ha detto Epifani.

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Governo cambi manovra o Cgil non starà ferma - Epifani | Notizie | Macroeconomia | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,609.16
    +0.06%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,818.40
    +0.10%
  • Euronext 100
    1,010.93
    -0.08%