Russia riconosce Ossezia del Sud e Abkhazia: le reazioni

martedì 26 agosto 2008 19:19
 

(Reuters) - Il presidente russo Dmitry Medvedev ha annunciato oggi di aver firmato il decreto che riconosce come Stati indipendenti le regioni georgiane dell'Ossezia del sud e dell'Abkhazia.

L'indice di Borsa di riferimento Rts della Russia è sceso di oltre 6 punti percentuali oggi, incrementando le perdite iniziate con il calo dei prezzi del petrolio e la debolezza dei mercati Europei.

Di seguito, i commenti di Onu, Usa, Georgia, presidenza di turno dell'Unione Europea, dei ministeri degli Esteri e di analisti politici ed economici:

ITALIA, PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO

"L'Italia è chiamata a dare il suo contributo costruttivo, innanzitutto a sostegno delle posizioni già espresse dell'Unione Europea, nel richiamo del rispetto da tutte le parti dei principi inviolabili in cui si riconosce la comunità internazionale, e nella ricerca di soluzioni condivise alla crisi in atto".

ONU, PORTAVOCE DEL SEGRETARIO GENERALE BAN KI-MOON

"Gli sviluppi di oggi potrebbero avere implicazioni più ampie per la sicurezza e la stabilità nel Caucaso".

"Il segretario generale si rammarica che gli sforzi che si stanno compiendo per trovare una soluzione comune per superare la crisi in Georgia in seno al Consiglio di Sicurezza possano subire complicazioni. Il segretario generale sottolinea fortemente l'urgente bisogno di proteggere tutti i civili che vivono nell'area del conflitto".

USA, SEGRETARIO DI STATO CONDOLEEZZA RICE   Continua...