4 agosto 2011 / 17:19 / 6 anni fa

PUNTO 1-Unipol, semestre in utile,Irap peserà su conti 2011-2012

(Aggiunge altri dettagli da nota, slide presentazione)

MILANO, 4 agosto (Reuters) - Unipol (UNPI.MI) ha chiuso il primo semestre del 2011 con un utile netto di 57 milioni di euro rispetto ad una perdita di 26 milioni dello stesso periodo del 2010, nonostante l‘impatto dell‘aumento delle aliquote Irap prevista dalla Finanziaria che però costringe la compagnia bolognese a ritoccare il target 2012 individuato nel piano industriale.

L‘effetto Irap, che sulla semestrale ha comportato maggiori imposte per oltre 19 milioni, avrà un impatto stimato di circa 25 milioni dei euro sui conti 2011 e 2012 “riducendo di conseguenza da 250 a 225 milioni di euro l‘utile netto consolidato atteso dal piano industriale nel 2012”, dice Unipol.

Il risultato del semestre, relativamente alla gestione finanziaria, sconta anche la svalutazione dei titoli di Stato della Grecia in scadenza entro il 2020 per allinearli al loro valore di mercato, con un impatto lordo sul consolidato di 8 milioni.

A fine giugno, si legge nelle slide di presentazione dei risultati, il portafoglio obbligazionario del gruppo registrava titoli di debito governativi greci per un valore di mercato di 38 milioni di euro, pari allo 0,2% del totale.

Complessivamente i titoli governativi di Grecia, Spagna, Irlanda e Portogallo rappresentanto il 6,6% del portafoglio obbligazionario, mentre quelli Italiani coprono il 41,5%.

MARGINALITA’ TECNICA TORNA POSITIVA

Nel ramo Danni Unipol torna ad una marginalità tecnica positiva con un combined ratio a 99% da 103,5% nel primo semestre 2010 e da 102,1% alla fine 2010.

La raccolta premi mostra una crescita del 6,2% a 2,2 mliardi di euro circa.

Nel Vita i premi diretti sono stati sostanzialmente stabili a 915 milioni

La gestione industriale prosegue sulle linee definite nel piano anche se “ad oggi tuttavia è difficile prevedere l‘evoluzione dei mercati finanziari nella seconda parte dell‘anno ed i relativi effetti economico-patrimoniali”, precisa la società.

Nonostante la tensione dei mercati, rimane solida la posizione di solvibilità consolidata del gruppo, a fine giugno pari a circa 1,3 volte i requisiti regolamentari e in linea con il 2010.

Includendo la prevista vendita della partecipazione in Bnl Vita, il margine di solvibilità sale a circa 1,4 volte.

AUMENTO CAPITALE DA 100 MILN PER UNIPOL BANCA

Per il rafforzamento patrimoniale di Unipol Banca, la capogruppo ha deciso di procedere ad un aumento di capitale da 100 milioni che permetterà di rafforzare il Core Tier 1 al 7,4%.

L‘operazione di capitalizzazione, sottolinea la compagnia “non ha impatto sul margine di solvibilità”.

Un‘altra iniziativa a sostegno dell‘attività bancaria riguarda la copertura del rischio, da parte di Unipol Gruppo Finanziario di crediti immobiliari problematici per 550 milioni di euro.

Viene infine riorganizzato il settore crediti accorpando l‘area crediti della controllata Unipol Merchant nelle controllante Unipol Banca.

Andrea Mandalà

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below