PUNTO 1-G20,Draghi:priorità banche ricapitalizzare, no dividendi

sabato 5 settembre 2009 18:30
 

LONDRA (Reuters) - Passata la fase peggiore della crisi, anche grazie agli interventi di governi e banche centrali, le istituzioni creditizie devono concentrarsi sul rafforzamento del capitale e non disperdere risorse in dividendi, bonus e compensi per i manager.

Lo ha detto Mario Draghi, presidente del Financial stability board, confermando che l'Fsb preparerà per il summit G20 di Pittsburgh un insieme di linee guida per regolamentare i bonus dei banchieri.

"La situazione sta migliorando e, di conseguenza, sta migliorando anche la profittabilità delle banche. Deve essere chiaro per le banche che questo miglioramento è dovuto in parte, se non completamente, alle misure di sostegno messe in campo dai governi e dalle banche centrali", ha detto Draghi parlando al termine del G20 finanziario di Londra.

"Questo è un buon momento per ricostruire il capitale e quando le banche decideranno su dividendi e compensazioni, devono tenere a mente che la priorità è usare la 'finestra di opportunità' per ristabilire il proprio capitale".

BANCHE AIUTATE DA STATO DEVONO LIMITARE COMPENSI

Draghi, che è anche governatore della Banca d'Italia, ha confermato che i G20 non si sono accordati su un tetto ai compensi dei manager, tuttavia l'argomento sarà oggetto di approfondimento da parte dell'Fsb.

"Ci sono buoni motivi per cui le banche sostenute dai governi... riducano il livello dei compensi per mantenere il capitale all'interno, in modo da soddisfare requisiti di capitale più stringenti", ha detto, però, il banchiere centrale.

Il documento che l'Fsb preparerà per il summit G20 di fine mese riguarderà tre punti: un sistema di sorveglianza efficiente delle politiche di remunerazione delle banche, le regole relative al totale dei fondi destinati alle remunerazioni rispetto all'andamento della banca - compresi meccanismi per recuperare i bonus in caso di cattivo andamento futuro della banca - e l'obbligo di trasparenza a tutti i livelli sui compensi pagati ai dipendenti.