News Corp interactive media taglia posti di lavoro

martedì 27 gennaio 2009 11:24
 

NEW YORK, 27 gennaio (Reuters) - Fox Interactive Media digital division, di News Corp (NWSA.O: Quotazione), che include il popolare sito di social networking MySpace, sta riducendo la sua forza lavoro di circa il 5%, intorno a 100 persone, per tagliare i costi. Lo ha scritto il Wall Street Journal.

I tagli, che sono iniziati il mese scorso, riguardano tutti i gruppi, da MySpace al sito di condivisione di immagini Photobucket, ha riferito il quotidiano, citando una persona vicina alla situazione.

Un portavoce di Fox Interactive Media ha confermato al Wall Street Journal che molti dei gruppi all'interno della divisione stanno eliminando posti di lavoro.

Per quanto riguarda MySpace, la portavoce Dani Dudeck ha dichiarato che il gruppo sta ancora assumendo.

"Stiamo costantemente allineando il nostro lavoro e le nostre risorse per focalizzarci sulle iniziative strategiche di MySpace. Al momento abbiamo delle posizioni aperte, e stiamo assumendo in aree come ad esempio MySpace Music e Business Development", ha detto in una nota.

"Prevediamo che MySpace avrà un numero di dipendenti maggiore di adesso alla fine di quest'anno fiscale".

A dicembre il direttore generale di MySpace, Chris Dewolfe, era ottimista sulle prospettive future del social networking. "I nostri ricavi e i nostri profitti sono significativi e stanno continuando a crescere nonostante la crisi economica", aveva detto al Reuters Media Summit in video conferenza da Los Angeles.

"Non abbiamo sentito nessun impatto, pensiamo solo che avremmo potuto crescere ancora di più di quanto abbiamo fatto", aveva aggiunto.

MySpace è il maggiore sito di social networking al mondo. Permette agli utenti di creare homepage in cui caricare pensieri, video e fotografie per esprimere la loro personalità e condividere le cose che amano, come la musica. Il sito è gratuito, ed è finanziato dalla pubblicità.

I ricavi totali della divisione sono aumentati del 17% nel primo trimestre fiscale, ma la crescita è inferiore a quella del 23% registrata nel trimestre precedente, ha riportato il Wall Street Journal.