Cofide, trimestre in perdita, sale Ebitda, vede impatto crisi

venerdì 31 ottobre 2008 14:03
 

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - Cofide (COFI.MI: Quotazione) ha chiuso il terzo trimestre con una perdita di 1,8 milioni di euro, rispetto a un utile di 18,2 milioni di un anno prima.

L'Ebitda consolidato, si legge in un comunicato della holding finanziaria, si è attestato a 106,3 milioni, in rialzo del 9,5% rispetto ai 97,1 milioni.

Il fatturato consolidato è salito del 20,9%, a 1,176 miliardi.

Nella nota, Cofide sottolinea che la crisi finanziaria mondiale e la recessione in atto avranno effetti negativi nei settori in cui opera la controllata Cir (CIRX.MI: Quotazione), "particolarmente accentuati in quelli dell'automotive e dei media".

Le società facenti capo a Cir, prosegue il comunicato, "hanno attivato e attiveranno tutte le misure necessarie per contrastare gli effetti economici e finanziari della crisi".

In ogni caso, Cofide ritiene che il risultato netto consolidato a fine 2008 sarà superiore a quello dell'esercizio precedente.

Per quanto riguarda i risultati dei nove mesi, Cofide ha registrato un utile netto consolidato di 64,2 milioni (+24,7%), un Ebitda in calo del 5,6%, a 352,1 milioni, e ricavi in crescita del 16,4%, a 3,54 miliardi di euro.

Nella nota, la finanziaria sottolinea che la diminuzione dei margini è conseguenza del calo dei ricavi dell'Espresso (ESPI.MI: Quotazione), dei costi di ristrutturazione sostenuti da Sogefi (SGFI.MI: Quotazione) e dell'impatto della Robin Hood Tax su Sorgenia.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [nBIA3120b].