28 agosto 2008 / 16:16 / 9 anni fa

PUNTO 1- Impregilo, netto sem1 balza a 149,7 mln con plusvalenze

(riscrive parzialmente con dettagli nota, dichiarazioni vertici)

MILANO, 28 agosto (Reuters) - Impregilo IPGI.MI chiude il primo semestre con un utile netto di 149,7 milioni di euro da 5,3 milioni dello stesso periodo 2007, beneficiando di plusvalenze.

Il gruppo esprime ottimismo per il futuro, anche alla luce della risoluzione delle vicende campane, confermando i target per l'anno in corso.

"Allo stato attuale, in assenza di fatti o eventi ad oggi non prevedibili, non si ritiene sussistano particolari criticità legate al raggiungimento degli obiettivi comunicati al mercato per il corrente esercizio", si legge in un comunicato. "Il portafoglio ordini del gruppo, i risultati conseguiti nel periodo, gli importanti progetti acquisiti e quelli in fase di negoziazione rappresentano una solida base per poter sviluppare nel corso della seconda metà dell'anno i programmi e le strategie individuate dal management".

Presentando i dati alla stampa, il presidente Massimo Ponzellini ha sottolineato che "la vicenda legata al trattamento rifiuti di Napoli si sta avviando verso una soluzione e la prospettiva di uscire da questa polemica furiosa dà serenità e tranquillità".

A inizio agosto il Tribunale del Riesame ha disposto la revoca integrale del provvedimento di sequestro preventivo nei confronti di Impregilo.

Al risultato netto del primo semestre ha contribuito la plusvalenza derivante dalla cessione della collegata brasiliana Ponte de Pedra, pari a 67,5 milioni, e il risultato di attività operative cessate (40,6 milioni), che accoglie la valutazione delle componenti economiche residue contrattualizzate nel corso dell'esercizio 2006 nell'ambito della cessione della concessionaria cilena Costanera Norte e la cui determinazione era prevista differita rispetto al momento della cessione.

I ricavi totali ammontano complessivamente a 1.322,2 milioni, con una crescita del 3,1%. Il risultato operativo è pari a 97 milioni da 50,7 milioni. La nota ricorda che il risultato operativo del primo semestre 2007 comprendeva l'accantonamento di natura non ricorrente effettuato in relazione ai progetti RSU Campania pari a 50 milioni.

L'indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2008 è pari a 57,4 milioni rispetto ai 53,7 milioni del 31 dicembre 2007.

Le acquisizioni di lavori registrate nel primo semestre 2008 sono state pari a 1.761 milioni, "un risultato significativo raggiunto nonostante il grave pregiudizio provocato dal sequestro preventivo, in seguito revocato, e il danno di immagine subito dalla società a seguito delle vicende giudiziarie in Campania".

Una volta archiviata la questione campana, Impregilo varerà un piano di sviluppo che punti sui settori strategici del gruppo e miri alla crescita tramite l'incremento del portafoglio. "Siamo più ottimisti sul futuro della società", ha detto l'AD Alberto Rubegni durante la presentazione.

Il gruppo punta sia alla crescita organica che a quella per linee esterne. "Stiamo esaminando i mercati esteri per vedere le possibilità di crescita esterna che offrono", ha detto Rubegni, escludendo che ci siano dossier su aziende italiane.

Quanto al termovalorizzatore di Acerra, di cui Impregilo sta terminando la costruzione, Rubegni ha ricordato che la prima linea entrerà in funzione a gennaio mentre le altre due saranno completate a marzo.

Il titolo ha chiuso in rialzo del 2,24% a 3,65 euro, in linea con l'indice S&P/Mib (+2,39%).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below