Intesa SP, utile netto trim2 a 513 milioni, batte attese

venerdì 28 agosto 2009 13:30
 

MILANO, 28 agosto (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 513 milioni di euro, che sale a 653 milioni su basi normalizzate, cioè escludendo le principali componenti non ricorrenti.

In entrambi i casi il dato è superiore al consensus elaborato da Reuters con dieci analisti che indicavano un utile netto di 419 milioni.

I proventi operativi netti si sono attestati a 4,731 miliardi in calo del 4% rispetto a un anno prima ma in crescita del 14,4% sul primo trimestre.

Nel dettaglio gli interessi netti sono saliti, su trimestre, del 3,4% a 2,779 miliardi, le commissioni sono cresciute del 6,8% a 13,4 miliardi, il risultato del trading è stato positivo per 439 milioni.

Il risultato della gestione operativa ammonta a 2,39 miliardi con un incremento trimestrale del 31,2% e un calo annuo del 4,1%.

Nel periodo sono stati effettuati accantonamenti e rettifiche di valore nette per 1,216 miliardi, di cui poco più di un miliardo riguarda rettifiche nette su crediti.

Sul fronte patrimoniale il Core Tier 1 si attesa al 30 giugno al 6,9%, il Tier 1 al 7,7% con ulteriore rafforzamento atteso dall'emissione dei Tremonti bond, dalle cessioni di asset non strategici e connesse operazioni di capital management, oltre che dall'applicazione di Basilea 2 advanced.

Per l'intero 2009 Intesa Sanpaolo conferma le attese di un utile netto consolidato "non molto inferiore" a quello del 2008. Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale della società cliccando [ID:nBIA281f3]