PUNTO 2-Intesa batte attese malgrado rettifiche, crescono ricavi

venerdì 28 agosto 2009 18:55
 

(aggiunge in paragrafi 6, 7 e 20 dichiarazioni Passera, in paragrafi 9 e 10 commenti broker, aggiorna con chiusura titolo)

MILANO, 28 agosto (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) riesce a battere le attese degli analisti nel secondo trimestre nonostante pesanti accantonamenti e rettifiche, in particolare su crediti, e registra progressi sul fronte operativo rispetto ai primi tre mesi dell'anno.

La banca ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 513 milioni di euro, contro un consensus elaborato da Reuters con dieci analisti che indicava 419 milioni.

Su basi normalizzate, escludendo quindi 60 milioni di oneri di integrazione e 102 milioni di oneri legati alla Ppa (allocazione costo acquisizione), l'utile sale a 653 milioni, dice una nota.

Impietoso il confronto con il secondo trimestre 2008, quando l'utile netto è stato di 1,358 miliardi maturato però in uno scenario economico sottostante completamente diverso. Anche nel primo trimestre l'utile era stato poco sopra il miliardo ma con 511 milioni di benefici fiscali straordinari.

Per l'intero anno la banca conferma la stima di un utile netto consolidato "non molto inferiore" a quello del 2008.

"Pensiamo che la nostra performance sia oggi coerente con la situazione di mercato e pensiamo di dover gestire livelli coerenti di rischio e redditività e non di spingere sui risultati tanto per farli", ha detto l'AD Corrado Passera durante la conference call. "I nostri risultati miglioreranno molto quando i mercati torneranno alla normalità. Oggi siamo ben al di sotto di una situazione normale. Non mi aspetto che migliori nei prossimi tre trimestri ma già nella seconda parte del prossimo anno i rendimenti dei mercati aumenteranno e questo avrà immediato beneficio sul nostro bilancio", ha aggiunto.

  Continua...