PUNTO 1-Telecom balza dopo dati 2008, piacciono cedola e debito

venerdì 27 febbraio 2009 17:08
 

(aggiunge commenti gestore)

MILANO, 27 febbraio (Reuters) - Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione) festeggia con un buon rialzo la proposta di una cedola, seppur ridotta, e la riduzione del debito.

Secondo un trader il movimento delle azioni, che prima della diffusione dei risultati 2008 cedevano quasi il 3% e che dopo sono arrivate a guadagnare oltre il 6%, è anche favorito da ricoperture su un titolo su cui "c'era molto scoperto".

Intorno alle 16,50 Telecom sale del 2,75% a 0,99 euro in un indice S&P/Mib .SPMIB che arretra del 2,5% circa. Volumi appena superiori alla media di un'intera seduta. Le risparmio TILTn.MI guadagnano il 2,88%.

"Piace la parte relativa all'indebitamento, che è sempre stato il tallone d'Achille del gruppo. La riduzione dell'indebitamento mostra che le azioni intraprese dal management in quella direzione stanno avendo gli effetti voluti", commenta Gianmaria Bergantino, responsabile gestioni di Bank Insinger.

"Il mercato si aspettava che la società non pagasse un dividendo e il fatto che invece ci sia aiuta il titolo", dice un operatore.

Telecom distribuirà sulle ordinarie un dividendo di 5 centesimi di euro per azione da 8 centesimi dell'anno precedente. La cedola per le risparmio sarà di 6,1 centesimi di euro.

L'indebitamento netto al 31 dicembre 2008 è pari a 34,039 miliardi, in diminuzione di circa 1,7 miliardi da fine 2007. Il dato è migliore delle attese degli analisti che indicavano 34.556 milioni.

Il gruppo, che conferma per il 2009 le previsioni del piano industriale, chiude l'anno con utile netto di 2,214 miliardi, ricavi a 30,158 miliardi ed Ebitda a 11,367 miliardi. Gli analisti interpellati da Reuters avevano indicato un utile di 2.095 milioni e ricavi per 30.119 milioni.