Mutui Italia, semestre in calo, anno ai livelli 2004 - UniCredit

lunedì 27 ottobre 2008 17:44
 

MILANO, 27 ottobre (Reuters) - Nel primo semestre 2008 il mercato italiano dei mutui per acquisto di una casa ha segnato una riduzione delle erogazioni del 5,35% a 29,27 miliardi di euro. Uno spunto ancora peggiore ha dato l'area nord-occidentale - Lombardia, Liguria, Val d'Aosta e Piemonte - la più importante con 10,218 miliardi erogati, che perde il 6,39% sul primo semestre 2007.

Queste le rilevazioni dell'Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) Banca per la Casa, secondo cui la "flessione del mercato dei mutui (...) non solo continuerà ma si accentuerà ulteriormente nel secondo semestre di quest'anno, lasciando prevedere per il 2008 un erogato totale dei mutui che si attesterà intorno ai 50/55 miliardi, riportandosi ai livelli medi del 2004/2005".

Su dati Bankitalia, le elaborazioni mostrano che per l'intera Italia le consistenze dei mutui in essere rilevate al 30 giugno 2008 (al netto delle cartolarizzazioni) sono di 219,298 miliardi, con discesa dell'1,91% rispetto alla fine di marzo.

Per Pasquale Giamboi, AD di UniCredit Banca per la Casa, a rendere meno conveniente e accessibile alle famiglie il credito ipotecario è l'effetto combinato della "flessione dell'andamento del mercato immobiliare, nel quale i prezzi non accennano a diminuire in modo significativo, il permanere del livello elevato dei tassi di riferimento, che solo ora accennano a una lenta discesa, e la progressiva erosione del reddito disponibile".

Per ridare energia al mercato, Giamboi auspica "provvedimenti che agevolino l'acquisto della casa, come per esempio la detrazione totale degli interessi passivi sui mutui, per le fasce di reddito medio e medio basse".