Gdf Suez, sem1 utile netto -6%, Ebitda +2,2%, conferma 2009

giovedì 27 agosto 2009 13:39
 

PARIGI, 27 agosto (Reuters) - Il gruppo francese Gdf Suez GSZ.PA, seconda utility al mondo per valore di capitalizzazione, ha chiuso il primo semestre con ricavi in crescita del 2,3% a 42,2 miliardi di euro, Ebitda in crescita del 2,2% a 7,9 miliardi e utile netto in calo del 6% a 3,3 miliardi.

La società conferma le previsioni per il 2009 e quelle di medio termine, a dispetto, si legge nella nota di accompagnamento, della debolezza della domanda di energia legata alle condizioni economiche internazionali.

L'impatto della riduzione della domanda è stimato in 400 milioni di euro, mentre altri 363 milioni sono venuti a mancare nel primo trimestre in seguito alla riduzione delle tariffe sul gas. Il vice presidente Jean-François Cirelli ha detto di avere fiducia di recuperare fino a due terzi di questo ammanco nel secondo semestre, essendo le tariffe rimaste invariate dopo la revisione del 1 luglio, nonostante il prezzo del greggio in calo.

Nel semestre, Gdf Suez ha generato un free cash flow pari a 6,7 miliardi, in aumento del 65% sui primi sei mesi del 2008. L'indebitamento è stato ridotto per un miliardo di euro.

La nota annuncia anche un dividendo ad interim pari a 80 centesimi per azione, previsto per il 18 dicembre prossimo.

Il Ceo Gérard Mestrallet dice poi che "vorrebbe" che Gdf Suez possedesse il 9% nella pipeline di gas Nord Stream che collega la Russia alla Germania e che sono in corso trattive in tal senso.

Sulla piazza parigina, le azioni di Gdf Suez guadagnano intorno alle 13,25 il 2,2%, scambiando a 29,90 euro. In mattinata avevano brevemente superato quota 30 euro, dopo che Ubs ne aveva alzato il price target citando i risultati semestrali "dritti sul bersaglio" e la notevole capacità di rifinanziamento.