February 26, 2009 / 4:38 PM / 8 years ago

Cogeme Set, outlook positivo nonostante frenata automotive

4 IN. DI LETTURA

MILANO, 25 febbraio (Reuters) - Cogeme Set COGI.MI non teme la frenata del settore automotive, punta sullo sviluppo dei turbocompressori e sul lancio di prodotti innovativi nella componentistica, intanto è focalizzata sull'integrazione con Ttl e sull'aumento di capitale legato a questa operazione.

E' quanto ha spiegato il management della società attiva nella meccanica di alta precisione nel corso del road-show di presentazione dell'offerta di azioni e obbligazioni convertibili.

Il periodo dell'offerta ha avuto inizio il 23 febbraio e si concluderà il 13 marzo, i diritti di opzione saranno acquistabili fino al 6 marzo.

L'offerta, si legge nel prospetto informativo, è finalizzata al reperimento di risorse finanziarie per la strategia di crescita.

A margine del road-show, Carlo Bozzini, presidente di Cogeme Set, ha spiegato a Reuters che l'aumento di capitale "è stato pensato soprattutto per dare all'azienda una struttura più equilibrata, per poter eventualmente cogliere nuove opportunità".

L'aumento era stato ipotizzato nell'ottobre 2008, all'epoca dell'acquisizione del 50,988% del capitale di Ttl e in parte servirà a rimborsare il contratto di finanziamento di 21 milioni stipulato per l'operazione.

"L'aumento serve per riequilibrare la struttura", ha spiegato Bozzini, "a riportarci a un indebitamento sotto le due volte l'Ebitda e a un rapporto fra debito ed equity ampiamente sotto l'unità".

Per quanto riguarda il sentiment del mercato rispetto all'aumento, Bozzini ha sottolineato che Cogeme Set ha "investitori stabili, che conoscono l'azienda e hanno apprezzato l'intenzione di aumentare l'equity in questa fase". Il presidente del gruppo non ha escluso che la partecipazione in Ttl "in futuro possa crescere ulteriormente".

Nel corso del road-show, il management si è soffermato sulle prospettive del settore automotive, che resta il core business di Cogeme Set, sebbene l'acquisizione di Ttl abbia consentito di diversificare in altre aree.

"Nell'automotive ci sono nicchie che risentono meno della crisi e garantiscono marginalità", ha detto Bozzini Marco Soliani, direttore ricerca e sviluppo, si è soffermato sulle prospettive del mercato dei turbocompressori, che, a suo dire, "verranno obbligatoriamente montati su tutti i motori a benzina costruiti in futuro" perché garantiscono una riduzione delle emissioni nocive e aumentano le prestazioni dell'auto.

Soliani ha anticipato che Cogeme sta sperimentando, in collaborazione "con un'azienda tedesca", componenti in leghe leggere a costi competitivi. In particolare, "un brevetto si sta concretizzando in un prodotto. Il nostro obiettivo principale sono i gruppi sospensione".

Soliani ha spiegato che il mercato europeo di questi componenti viene stimato in 700 milioni di euro e che "produrremo componenti che peseranno il 20% in meno rispetto agli attuali".

Soliani ha ricordato che il peso è uno dei fattori che incide sui consumi: dunque, un'auto più leggera si traduce in un risparmio sui carburanti.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below