Cdp, utile 2008 a 1,4 mld, a soci privilegiati 53 mln - nota

mercoledì 25 marzo 2009 19:15
 

ROMA, 25 marzo (Reuters) - Il cda di Cassa depositi e prestiti (Cdp) ha approvato oggi il bilancio per il 2008 che si è chiusto, per la gestione separata che esclude i risultati di Terna (TRN.MI: Quotazione), con un utile di 1,389 miliardi (+1,2% rispetto all'esercizio precedente).

Lo si legge in una nota della società in cui si dice anche che il risultato "sconta una rettifica di valore di 502 milioni apportata alla partecipazione in St Microelectronics in virtù dell'andamento negativo del valore di mercato".

Il Consiglio ha disposto la distribuzione agli azionisti privilegiati (cioè alle Fondazione) del dividendo preferenziale di 56,7 milioni e di 132,3 milioni alle azioni ordinarie (cioè al Tesoro).

Una quota pari ad 1 miliardo dell'utile sarà destinata al rafforzamento dei mezzi patrimoniali della società.

Il margine d'interesse è stato di 2,360 miliardi (+6,9%). La crescita "deriva dall'incremento delle masse intermediate, seppur in presenza di una lieve contrazione del margine tra impieghi e raccolta".

Il margine d'intermediazione è aumentato fino a 2,532 miliardi (+4,5%). La crescita è dovuta ai "maggiori ricavi da dividendi, nonché di minori commissioni passive".

Il risultato di gestione è stato di 2,444 miliardi.

Il patrimonio netto consolidato al 31 dicembre risultava di 10,044 miliardi in calo anche per effetto della svalutazione delle principali partecipazioni: Eni e Enel.