PUNTO 1-Banco Popolare,2008 in rosso, pesano poste straordinarie

mercoledì 25 marzo 2009 09:25
 

(aggiunge altri dettagli da comunicato)

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Banco Popolare (BAPO.MI: Quotazione) ha chiuso il bilancio consolidato con una perdita di 333 milioni di euro dopo rettifiche di valore ed accontanamenti per oltre 2,4 miliardi rispetto agli 840 milioni del precedente esercizio.

Lo dice una nota della banca, specificando che in seguito alla perdita e anche "anche nell'ottica di favorire il rafforzamento patrimoniale" non verrà distribuito il dividendo.

Nell'esercizio precedente era stato distribuito un dividendo di 0,60 euro.

Oltre che per le componenti straordinarie che hanno impattato anche sui conti dell'esercizio precedente, il risultato è difficilmente confrontabile con l'utile di 635 milioni del 2007 a causa dell'operazione di aggregazione tra Banco Popolare Verona e Novara e Banca Popolare Italiana divenuta efficace il 1° luglio 2007.

Al netto delle rettifiche di valore degli avviamenti il risultato sarebbe risultato positivo per 174,7 milioni, mentre escludendo le componenti straordinarie, l'utile "normalizzato" sarebbe stato di 433 milioni, comunque in leggera flessione rispetto al dato omogeneo di 491 milioni del 2007.

In particolare i conti rilevano rettifiche nette di valore per deterioramento crediti per 1,17 miliardi (da 479 milioni del 2007) derivanti da eventi straordinari a livello nazionale ed internazionale, come i default del gruppo Lehman e del sistema bancario islandese e la ristrutturazione dei debiti di Fingruppo Holding e il default del gruppo IT Holding ITH.MI.

Le rettifiche di valore su altre operazioni finanziarie sono state pari a 199 milioni, gli accantonamenti per rischi e oneri futuri per 201 milioni, mentre le rettifiche di valore su avviamenti e partecipazioni si sono attestati a 874 milioni rispetto ai 717,5 milioni del 2007.   Continua...