UBI Banca, piano aggiornato al 2012, cifre diverse per 2009 - AD

mercoledì 25 marzo 2009 17:46
 

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Il piano industriale aggiornato di UBI Banca (UBI.MI: Quotazione) avrà un'estensione temporale almeno fino al 2012 e conterrà per il 2009 cifre diverse da quelle del vecchio piano che vedeva quest'anno come anno di crescita e non di recessione.

Lo ha spiegato l'AD dell'istituto Victor Massiah nel corso di una conference call con i giornalisti sui conti del 2008.

"Ovviamente il 2009 non può essere paragonato al 2009 del piano che era visto come anno di crescita normale dell'economia mentre stiamo assistendo a una delle più grosse e importanti recessioni dall'ultima grande crisi", ha detto Massiah.

"Le cifre saranno quindi diverse ma il nuovo piano non sarà solo per il 2009 e il 2010 ma molto probabilmente arriverà almeno al 2012 e noi pensiamo che la crisi non ci sarà per sempre", ha aggiunto.

Il piano industriale 2007-2010 di UBI Banca varato in occasione dell'integrazione tra Bpu e Banca Lombarda, vede al 2009 un utile netto di oltre 1,3 miliardi di euro e un dividendo di 1,15 euro.

Il 2008 si è chiuso per UBI con un utile netto di 69 milioni di euro dopo svalutazioni per 480,7 milioni e vedrà la distribuzione di un dividendo di 0,45 euro.

Sui tempi di presentazione del piano, Massiah ha spiegato che il lavoro è in corso ma si attende una stabilizzazione del contesto di mercato, ora estremamente volatile, e dello scenario economico.