Lusso, analisti vedono crescita 2008-2010 ma a singola cifra

martedì 25 novembre 2008 17:18
 

MILANO, 25 novembre (Reuters) - Nonostante la crisi, le aziende quotate del lusso, italiane ed estere, vedranno un aumento del fatturato e della redditività quest'anno e nei prossimi due anni, ma sarà una crescita più lenta, a singola cifra.

Le stime fanno parte di un consensus di diversi analisti raccolto da Merrill Lynch e presentate nel corso del Milano Fashion Global Summit. Si tratta comunque di una revisione al ribasso delle previsioni fornite a inizio anno.

"Da una media delle stime degli analisti emerge l'attesa di una crescita del fatturato dell'8% quest'anno, che diventerà +6% in 2009 e nel 2010. L'Ebitda crescerà del 5% nel 2008, del 2% il prossimo anno e dell'8-9% nel 2010. L'Ebitda margin sarà del 24,4% quest'anno e del 23,5% nel 2009, l'Eps migliorerà del 6% nel 2008 e nel 2009, del 10% nel 2010", ha spiegato Paola Durante, responsabile del corporate broking Italy di Merrill Lynch.

In precedenza, a inizio anno, gli analisti avevano fornito stime più elevate, ha ricordato Durante: un miglioramento dei ricavi del 12% nel 2008 e del 10% il prossimo anno, Ebitda +16,3% in 2008 e +14% in 2009, Ebitda margin rispettivamente al 26% e al 26,5%, Eps +19,5% e +16,4%.

"Notiamo una revisione al ribasso delle stime ma si tratta sempre di un'attesa di crescita anche se ora a singola cifra. La mia sensazione è che siano stime ancora un po' alte. Il +6% per il 2009 si basa su un'ipotesi di ripresa nella seconda parte dell'anno", ha spiegato l'analista.

La crisi economica e finanziaria sta avendo un impatto sulle quotazioni in borsa del lusso. "Le valutazioni di borsa sono ai minimi degli ultimi dieci anni. Abbiamo un P/E di 10 sul 2008, rispetto a una media degli ultimi dieci anni intorno a 15, e un Ev/Ebitda di 6 sul 2008".

Nonostante il lusso europeo da inizio anno abbia perso il 45% del proprio valore di borsa, negli ultimi dieci anni è cresciuto del 14%, ha ricordato Durante.

A livello di aree geografiche, i paesi emergenti continuano a migliorare a doppia cifra mentre i paesi della "old economy" registrano piccoli tassi di crescita, secondo l'analista di Merrill Lynch. Marginali tassi di crescita nei paesi come Europa e America sono comunque necessari, in quanto le aree emergenti da sole non riuscirebbero a garantire un andamento positivo del lusso, ha concluso Durante.