PUNTO1-Generali-Alleanza,dividendo 2008 non impatta su concambio

martedì 24 febbraio 2009 10:21
 

(Aggiunge dichiarazioni Agrusti e Perissinotto)

MILANO, 24 febbraio (Reuters) - Generali (GASI.MI: Quotazione) e Alleanza ALZI.MI proporranno agli azionisti la distribuzione di un dividendo sul bilancio 2008 che non avrà impatto sul concambio fissato per la fusione, pari a 0,33 titoli del gruppo triestino per ogni azione Alleanza.

Lo dicono le slide diffuse in occasione della conference call per la presentazione alla comunità finanziaria dell'operazione di fusione per incorporazione di Alleanza in Generali.

"L'obiettivo che ci siamo dati è che le due società distribuiscano un dividendo che non modifichi il rapporto di cambio", ha sottolineato il direttore generale, Raffaele Agrusti.

"La politica dividendi deve pertanto restare all'interno di un range molto ristretto", ha aggiunto un analista che gli chiedeva se, riflettendo il concambio, il dividendo di Alleanza sarà pari a 0,33 volte la cedola di Generali.

"Da un punto di vista strettamente matematico il ragionamento è corretto", ha precisato l'AD Giovanni Perissinotto. "Il calcolo tuttavia non va fatto al centesimo poiché abbiamo un margine di flessibilità".

Il piano, annunciato ieri sera, prevede anche il conferimento delle attività assicurative di Alleanza e Toro in una nuova società operativa nei rami vita e danni.