PUNTO 1-FonSai, forte discesa utile 2008,cedola cala a 0,7 euro

martedì 24 marzo 2009 16:40
 

(riscrive con dettagli da conference call)

MILANO, 24 marzo (Reuters) - Fondiaria-Sai FOSA.MI ha archiviato il 2008 con un utile netto in forte contrazione a 90,8 milioni di euro (rispetto ai 620,1 milioni dell'esercizio precedente) e si prepara a presentare il nuovo piano industriale triennale prima dell'estate.

"Il driver per il 2009 sarà la redditività, la diminuzione dei costi - con un obiettivo di ridurli del 20% - e conservare la solidità patrimoniale che ci lascia tranquilli di fronte ai peggiori stress test", ha detto, nel corso di una conference call, l'AD Fausto Marchionni.

Fornendo un'istantanea del solvency ratio - che a fine 2008 mostra un indice di copertura pari a circa 1,3 volte post dividendi - il management ha detto che "il real estate è stabile e non risente dei mercati, la parte dei governativi e dei corporate è stata marginalmente positiva mentre per la parte equity bisogna tenere conto che abbiamo un gearing intorno al 4%".

Fondiaria-Sai, inoltre, potrebbe disporre, previa autorizzazione delle autorità competenti, di un ulteriore margine addizionale, comprendendo in particolare le plusvalenze immobiliari del comparto assicurativo non iscritte a bilancio, portando così l'indice di solvibilità corretta a 1,5.

La presentazione del nuovo piano industriale 2009-2011 che, secondo l'AD, "sarà ambizioso perchè noi crediamo in quello che sappiamo fare" è prevista a maggio.

Una nota precisa che sul risultato netto dello scorso esercizio influisce anche "l'intervento eccezionale a favore dei clienti sottoscrittori di polizze index con sottostante Lehman, con un impatto negativo sul conto economico consolidato, al lordo di imposte, pari a 150 milioni di euro".

E Marchionni, in conference call ha puntualizzato: "Questo risultato è stato ottenuto senza avvalersi della 185/08, un passo verso la trasparenza e verso la prudenza", riferendosi ai benefici fiscali sul goodwill previsti dal pacchetto di stimoli del governo.   Continua...