Amplifon,2009 in crescita,non esclude acquisizioni all'estero-AD

mercoledì 23 settembre 2009 11:26
 

MILANO, 22 settembre (Reuters) - Amplifon (AMPF.MI: Quotazione) punta a chiudere l'anno con risultati in crescita e - pur restando focalizzata sulla crescita organica - resta attenta ad eventuali opportunità di acquisizioni all'estero.

Lo ha detto l'AD Franco Moscetti che ha espresso soddisfazione per i conti del primo semestre, aggiungendo di "non vedere ragioni per non avere un seconda parte dell'anno in linea con la prima".

Pur sottolineando l'imprevedibilità delle condizioni macroeconomiche, con conti in miglioramento per le aziende ma possibili ricadute sui consumi per il probabile incremento della disoccupazione, Moscetti si dice sereno.

"L'obiettivo è chiudere il 2009 meglio del 2008", ha dichiarato infatti a margine di un convegno in Bocconi.

Il manager ha ribadito poi che "la priorità è una vigorosa crescita organica con il raggiungimento dell'eccellenza operativa nel perimetro del gruppo".

Detto questo, ha però aggiunto, "siamo attenti anche a quel che succede nel mercato (...) guardiamo alle opportunità che si presentano".

Moscetti ha indicato tra i Paesi in cui il gruppo ha una quota di mercato ancora giudicata insufficiente per ottenere una redditivitù elevata la Francia, la Spagna, il Portogallo e la Germania, paesi in cui la quota di Amplifon è intorno al 4%.

"Al momento non c'è nessun dossier aperto in Germania", ha precisato Moscetti citando però come dimensione ideale una quota di mercato del 15%.

Sulla recente acquisizione di Dialogue in Belgio, Moscetti ha sottolineato che il gruppo "ha investito in tempi difficili, autofinanziandosi grazie ad un miglioramento della posizione finanziaria netta tra primo e secondo trimestre" e compiendo un'operazione "strategica a condizioni vantaggiose".

Alle 10,55 il titolo guadagna lo 0,7% a 2,65 euro.