BB Biotech, calo utile trimestre e 9 mesi, sconto su Nav al 16%

giovedì 23 ottobre 2008 14:09
 

MILANO, 23 ottobre (Reuters) - BB Biotech (BIO.MI: Quotazione) (BION.S: Quotazione) chiude il terzo trimestre e i nove mesi con utili in discesa.

La società di investimenti specializzata nelle biotecnologie registra invece, secondo una nota, un 5% di aumento del valore intrinseco (NAV), che, a fronte di quotazioni di borsa poco mosse nel trimestre, fa salire al 16% lo sconto tra prezzo dell'azione e NAV.

Lo dice una nota, aggiungendo che nel trimestre è proseguito il programma di buyback azionario con riacquisto di 782.400 azioni proprie per un importo di 68 milioni di franchi.

Il capitale proprio detenuto dalla società rappresenta a fine settembre il 18,2% del suo capitale.

I dati di redditività si leggono sul sito BB Biotech, con utile netto trimestrale sceso a 78,1 milioni di franchi (da quasi 215 milioni nel 2007) e un utile dei nove mesi decurtato a 172,15 milioni a fronte dei 234,4 milioni dei nove mesi 2007.

Tra le partecipazioni in portafoglio - che per i soli titoli vale complessivamente 1,78 miliardi di franchi svizzeri - la maggiore è la svizzera Actelion, che pesa per il 28,8%.

Intensi movimenti M&A nel settore hanno visto BB Biotech attiva sulle sue partecipazioni interessate da merger: sulla partecipata Genentech DNA.N sotto opa Roche, per l'acquisto del capitale non ancora detenuto, sono state operate prese di beneficio, dice la nota. La quota al 30 settembre pesa per 10,5% del portafoglio totale.

La partecipazione nella tedesca Jerini è stata comprata da Shire con un premio del 199% sul prezzo medio dei tre mesi precedenti, la partecipazione britannica Acambis è stata invece acquisita da Sanofi con un premio del 65%.

La partecipazione Biogen Idec (BIIB.O: Quotazione), società indebolita dopo gli effetti collaterali negativi riscontrati nell'uso di un suo farmaco, è stata invece incrementata sulle debolezze. La quota in Biogen Idec al 30/9 pesa al 5,4% del portafoglio partecipazioni di BB Bio.

"Non siamo in grado di prevedere per quanto tempo ancora si protrarrà l'attuale crisi finanziaria, ma siamo molto fiduciosi che le biotecnologie saranno uno dei settori vincenti nei prossimi anni" conclude la nota.