Fiat, trading profit trim3 meglio attese, 2008 parte bassa range

giovedì 23 ottobre 2008 07:56
 

MILANO, 23 ottobre (Reuters) - Fiat FIA.MI ha chiuso il terzo trimestre con risultati migliori delle attese in termini di trading profit e conferma nella sostanza le previsioni del triennio 2007-2010, anche se attende per il prossimo anno un andamento erratico del sentiment di mercato.

Secondo una nota diffusa dalla società, il trading profit di gruppo si attesta a 802 milioni di euro da 745 milioni dello stesso periodo del 2007 per un fatturato di 14,296 miliardi da 13,858 miliardi.

Il debito netto al 30 settembre si attesta a 15,530 miliardi da 12,546 di giugno.

L'auto ha registrato fatturato a 6,636 miliardi da 6,510 e trading profit a 190 da 185 milioni.

La media delle previsioni di sei analisti sentiti da Reuters aveva indicato trading profit di gruppo a 760,8 milioni e a 14,2 miliardi per il fatturato. Le previsioni erano di 182,2 milioni per il trading profit e di 6,7 miliardi per il fatturato.

Per il 2008 prevede risultato della gestione ordinaria di gruppo "nella fascia bassa del range a suo tempo indicato in 3,4-3,6 miliardi". Il debito netto industriale è previsto a 1,5-2 miliardi.

Per il 2009 "riteniamo di dover continuare a convivere con movimenti erratici nel sentiment del mercato per lo meno nel corso di tutto il primo semestre", dice la nota. Questi scostamenti dalle normali condizioni di mercato sono considerate temporanee e "non impattano sulla sostanza complessiva dell'impegno preso dal gruppo nel 2006 rispetto agli obiettivi 2007-10".

Per il 2009 è stato elaborato un "worst case" che prevede un calo della domanda nei mercati di riferimento del 10-20%, trading profit gruppo a 2,3-1,5 miliardi, utile netto gruppo tra 1.200 e 400 milioni, debito industriale netto a 3-4 miliardi.

Se le normali condizioni di mercato verranno ripristinate entro il 2009, sono confermati gli obiettivi 2010.