PUNTO 1- Espresso, rosso trim1 2,5 mln, non vede segnali ripresa

mercoledì 22 aprile 2009 12:02
 

(aggiunge dettagli)

MILANO, 22 aprile (Reuters) - Il gruppo Editoriale L'Espresso (ESPI.MI: Quotazione) ha chiuso i tre mesi a marzo con una perdita netta di 2,5 milioni di euro in scia a una flessione dei ricavi del 18% legata al crollo della spesa pubblicitaria (-26,8%), per la quale non si prevede al momento una ripresa.

"L'andamento del trimestre nonché le evidenze a disposizione sul mese di aprile confermano la drastica riduzione degli investimenti pubblicitari e non lasciano intravedere allo stato attuale alcun segnale di ripresa in un contesto generale che resta di forte incertezza, favorendo la riduzione degli investimenti o il loro rinvio", si legge in una nota.

Il fatturato del trimestre si è attestato a 215 milioni di euro da 262 milioni nel primo trimestre 2008 che si era chiuso con un utile netto di 10,5 milioni. Pari a 109,3 milioni di euro i ricavi pubblicitari, in un mercato che ha subito un ulteriore indebolimento a inizio 2009 rispetto alla fine dello scorso anno, sottolinea la nota.

Il margine operativo lordo risulta più che dimezzato su anno a 16,7 milioni. Per contrastare il calo della raccolta pubblicitaria il gruppo ha messo in atto un piano di contenimento dei costi che vede un organico a fine marzo di 3.266 dipendenti, 190 in meno rispetto a un anno prima e in calo di 78 unità da fine 2008.

"E' tuttavia evidente ... la necessità di ... ulteriori azioni di contenimento dei costi, a partire da una semplificazione societaria e organizzativa e da una significativa reingegnerizzazione dei processi".

In miglioramento la situazione debitoria a 248,8 milioni di euro a fine marzo da 278,9 milioni a fine dicembre.

Per leggere il comunicato integrale della società i clienti Reuters possono cliccare su [nBIA221ee].