Tecnologici Europa deboli dopo warning Texas Instruments

martedì 21 ottobre 2008 10:56
 

MILANO, 21 ottobre (Reuters) - Tecnologici sotto pressione stamani sulle piazze europee dopo che il produttore di chip americano Texas Instruments Inc TXN.N ha avvertito che il quarto trimestre andrà peggio del previsto, deprimendo il titolo del 5% nell'afterhours americano.

Nel Vecchio Continente titoli del settore dei semiconduttori come Infineon (IFXGn.DE: Quotazione) e concorrenti come STMicroelectronics (STM.MI: Quotazione) (STM.PA: Quotazione) lasciano sul terreno fra l'1% e il 3%, mentre la leader dei cellulari Nokia NOK1V.HE - fra i maggiori clienti della divisione dei chip su progetto di TI - perde un abbondante punto percentuale.

TI, che da tempo dichiara di voler rifocalizzare gli investimenti sui chip analogici e wireless per applicazioni avanzate come i lettori video o la navigazione su internet, per la prima volta ha inoltre rivelato di voler cedere parte dell'attività dei semiconduttori 'baseband', che costituiscono il "cervello" dei telefoni cellulari.

TI ha previsto per l'ultimo trimestre dell'esercizio ricavi per 2,83-3,07 miliardi di dollari, inferiori alle stime degli analisti per 3,33 miliardi. L'utile per azione dovrebbe attestarsi a 30-36 centesimi, al lordo di poste straordinarie come un effetto fiscale da 5 centesimi. Gli analisti avevano previsto per il periodo un utile per azione di 43 centesimi, senza l'effetto fiscale.