Autogrill, 2009 "in tempesta ma non distrastroso" -G. Benetton

martedì 21 aprile 2009 14:01
 

MILANO, 21 aprile (Reuters) - Il 2009 sarà per il gruppo Autogrill (AGL.MI: Quotazione) un anno "molto difficile ma non distrastroso", con un calo del traffico autostradale nel mondo in media del 3-4%, mentre negli aeroporti la stuazione è peggiore.

Lo hanno affermato i vertici del gruppo di ristorazione nel corso e al termine dell'assemblea di bilancio.

"Il 2009 sarà un anno molto difficile, anche se i tassi del traffico autostradale a novembre molto negativi ora sono più stabili", ha spiegato l'AD Gianmario Tondato Da Ruos.

Per Gilberto Benetton lo scenario più verosimile per l'anno è in corso è "forse più di tempesta che disastroso, uragano".

Circa un mese fa, in occasione dei risultati 2008, Autogrill aveva tracciato due scenari per il 2009: 'uragano' con forte calo del traffico, ricavi per 5,72 miliardi ed Ebitda di 575 milioni; 'tempesta' con traffico negativo ma in graduale miglioramento, fatturato di 5,9 miliardi ed Ebitda 625 milioni.

Il 2008 si è chiuso con con un utile netto di 123,2 milioni su ricavi per 5,79 miliardi.

"Da novembre a febbraio abbiamo registrato un calo del traffico autostradale (a livello globale) del 5-6%, ora la flessione è intorno al 4-5%, con una contrazione media nell'anno attesa del 3-4%", ha spiegato Benetton, ricordando che invece la situazione negli aeroporti rimane più critica.

Dopo le acquisizioni lo scorso anno di World Duty Free e del 50% rimanente di Aldeasa, Autogrill non pensa al momento a nuove operazioni.

"Non c'è nulla allo studio, non è il momento, non è nostra intenzione. Inoltre, nessun progetto è arrivato sul nostro tavolo", ha spiegato Benetton.

L'imprenditore veneto, infine, ha ribadito che la famiglia non ha intenzione di vendere la quota di maggioranza in Autogrill, intorno al 59%. "No, assolutamente non esiste (una intenzione simile). E se anche fosse, non sarebbe certo il momento di vendere".