Allianz, crisi ritarda obiettivi mercati emergenti - consigliere

mercoledì 19 agosto 2009 11:22
 

FRANCOFORTE/MONACO, 19 agosto (Reuters) - Allianz (ALVG.DE: Quotazione) raggiungerà gli obiettivi di fatturato in Asia ed Est Europa più tardi del previsto a causa della crisi finanziaria, ma è fiduciosa sul crescente ruolo della regione per gli utili futuri della compagnia assicurativa.

Lo ha detto il consigliere di Allianz Werner Zedelius in un'intervista a Reuters la scorsa settimana.

La crisi ha messo i bastoni tra le ruote ai piani della compagnia tedesca sul raggiungimento dei target di ricavi di 15 miliardi di euro quest'anno e 20 miliardi il prossimo anno in questi mercati.

"Ci vorrà un po' di più", ha detto Zedelius. "Confermo i target in principio ma la tempistica è cambiata", ha aggiunto senza fornire una nuova data per il raggiungimento degli obiettivi di vendite.

I ricavi dei 33 paesi di cui Zedelius è responsabile l'anno scorso hanno totalizzato 12,4 miliardi di euro.

Il fatturato ha però segnato un calo del 10% nei primi sei mesi del 2009 a 5,9 miliardi soprattutto a causa della volatilità dei cambi.

"Non possiamo escludere un collasso di paesi individuali in queste regioni ma un pericolo del genere si è notevolmente ridotto", ha commentato il manager.

Allianz rimane convinta delle prospettive di crescita a lungo termine per l'Asia e l'Europa orientale, sempre più importanti all'interno del gruppo. "Mi aspetto che i paesi asiatici escano dalla crisi un po' più velocemente degli stati dell'Europa orientale ma per entrambe le regione ci aspettiamo una crescita continua nel lungo termine", ha detto Zedelius.