Pop Emilia stima esborso 170 mln per NewCo ex Italease - Viola

mercoledì 18 marzo 2009 15:26
 

MODENA, 18 marzo (Reuters) - Nel bilancio 2008 Pop Emilia Romagna (EMII.MI: Quotazione) ha svalutato il valore della partecipazione in Italease BIL.MI per 88,7 milioni, costo che si andrà ad aggiungere all'esborso stimato di 170 milioni per la ricapitalizzazione delle due NewCo che nasceranno dallo spezzatino dell'istituto di leaseing.

Lo ha spiegato l'AD della Bper, Fabrizio Viola, nel corso della presentazione dei risultati 2008.

"I costi espliciti finora sostenuti per Italease riguardano la valutazione della partecipazione... pari, a livello di gruppo, a 88,7 milioni di euro", ha detto l'AD spiegando che le azioni Italease sono stata svalutate ad un valore unitario di 1,5 euro, in linea con il prezzo dell'Opa lanciata da Banco Popolare (BAPO.MI: Quotazione) rispetto ad un valore medio di carico di 9,27 euro.

Relativamente ai prospettati aumenti di capitale delle due NewCo oggetto dell'accordo gli altri soci per il salvataggio di Italease "complessivamente stimiamo un esborso nell'ordine di 170 milioni di euro, di cui 135 riferiti alla nuova società di leasing di tipo consortile che svolgerà attività tramite canale bancario", ovvero la NewCo Due che raggrupperà i crediti 'in bonis' di Italease e di cui Bper sarà il socio di maggioranza relativa con il 36,4%.

Gli altri soci sono Banco Popolare, con il 32,8%, Pop Sondrio (20,9%) e Pop Milano (9,8%)

Nella NewCo Uno, ovvero la 'bad company' nella quale verranno concentrati tutti i crediti problematici di Italease, Pop Emilia Romagna avrà invece una quota del 10,8%, Banco Popolare l'80%, Pop Sondrio il 6,2% e Bpm il 2,9%.

"C'è un moderato ottimismo con gli altri soci pattisti che la bad company, con la dovuta cura e pazienza, possa nel tempo attivare un processo di liquidazione degli attivi che non porti particolare problemi agli azionisti", ha commentato Viola relativamente alle previste attività di valorizzazione del ramo conferito.

Ulteriori costi impliciti relativi ad Italease, ha aggiunto l'AD, sono di tipo fisiologico tipici dell'attività bancaria e dipenderanno alla dinamica congiunturale.

"Credo che i costi straordinari siano ormai alle nostre spalle" ha aggiunto.   Continua...