Home Depot, utile netto trim2 cala 1,1 mld dollari, oltre attese

martedì 18 agosto 2009 12:59
 

NEW YORK, 18 agosto (Reuters) - Home Depot (HD.N: Quotazione) archivia il secondo trimestre in calo, ma con utili che vanno oltre le aspettative, grazie al contenimento dei costi che ha tamponato in parte la debolezza delle vendite.

L'utile netto è sceso a 1,1 miliardi di dollari, pari a 66 centesimi per azione nel trimestre terminato il 2 agosto, in calo rispetto ai 71 cent per azione registrati nello stesso periodo dell'anno precedente.

Escludendo le imposte straordinarie - per aver chiuso l'attività della compagnia Expo - e un benefit fiscale, l'utile della società di vendite al dettaglio è stato di 64 centesimi per azione, al di sopra della media delle previsioni degli analisti a 59 cent, secondo quanto riportato da Reuters Estimates.

Le vendite trimestrali del gruppo di Atlanta accusano una flessione del 9,1% a 19,1 miliardi di dollari, in linea con un calo annuale visto al 9%. Le attese di Reuters Estimates erano per un fatturato di 19,243 miliardi, mentre il ricavo sull'intero anno è previsto a 65,472 miliardi di dollari.

Il crollo del mercato immobiliare Usa unito alla recessione hanno affossato la domanda per gli articoli costosi che avevano spinto la crescita di Home Depot negli ultimi anni.

Il gruppo ha previsto per questo esercizio che l'utile per azione da attività ordinaria rimanga stabile al 7%.

Gli utili per azione da attività ordinaria 'adjusted' sono visti in calo del 15-20%.

Le azioni del gruppo hanno registrato un balzo del 3,6% fino a 27,05 dollari nelle contrattazioni di pre-apertura, per poi scendere a 26,11 dollari intorno alle 12,45.