PUNTO 1-C.Agricole,utile trimestre -77%,non svaluta quota Intesa

giovedì 14 maggio 2009 11:30
 

(aggiunge altri dettagli)

PARIGI, 14 maggio (Reuters) - Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione), la maggiore banca retail francese, ha annunciato un calo più consistente del previsto (-77%) dell'utile trimestrale e ha detto che non intende ricorrere alla seconda tranche di aiuti dello Stato francese.

La banca, che non vede un'uscita dalla crisi prima della fine del 2010, ha detto anche di non aver svalutato la sua partecipazione in Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione), il cui titolo ha perso più del 43% negli ultimi 12 mesi.

"Non abbiamo motivi per registrare una svalutazione al 31 marzo", ha detto il direttore finanziario Bertrand Badré spiegando che in virtù del patto stretto con Generali (GASI.MI: Quotazione) la quota sarà valutata a patrimonio netto a partire dal secondo trimestre e non dovrà più essere valutata a valori di mercato.

La quota francese depositata all'assemblea di Intesa a fine aprile era pari a quasi il 6%; l'accordo di consultazione stretto con Generali (GASI.MI: Quotazione), su cui sta facendo delle verifiche l'Antitrust italiano, riguarda il 5,8% del capitale. "Abbiamo sempre detto di essere pronti a dialogare con l'Antitrust", ha rassicurato il direttore generale George Pauget.

L'utile netto é sceso del 77,4% a 202 milioni di euro, decisamente sotto le stime di 394 milioni emerse in media da un sondaggio Reuters.

Alle 11,10 Credit Agricole è in rialzo dell'1,2% a 10,33 euro.