Bulgari resta pesante, warning atteso ma non così ampio - broker

venerdì 14 novembre 2008 12:59
 

MILANO, 14 novembre (Reuters) - In un mercato nel complesso tonico Bulgari BULG.MI resta venduta a Piazza Affari, all'indomani di una trimestrale deludente e del profit warning più ampio del previsto, secondo l'opinione di diversi broker.

Intorno alle 12,45 il titolo cede il 5,8% a 4,81 euro, dopo aver toccato una flessione vicino al 9%. Scambi elevati per circa 2,5 milioni di azioni, superiori alla media di un'intera seduta (1,8 milioni). L'S&P/Mib .SPMIB sale di oltre il 2%.

Sfogliando i numerosi studi diffusi oggi sul gruppo del lusso, il minimo comune denominatore è l'accento sul profit warning, atteso ma non di questa portata, e su un terzo trimestre inferiore al consensus.

"Serious profit warning", titola Citigroup che conferma "sell" e target price di 5,2 euro. Il broker prevede un taglio delle stime di consensus di circa il 10% per il 2008 e del 20-25% per l'anno successivo.

"Era atteso un allarme sugli utili ma è la grandezza a sorprendere. [...] I nostri numeri già riflettevano questo trend negativo, ma la portata del taglio è tale che abbiamo deciso di tagliare il nostro già basso consensus di utile netto di un altro 10% per il 2008", commenta Deutsche Bank in un report in cui riduce il target price a 5 da 5,5 euro con conferma del rating "hold".

Il terzo trimestre Bulgari si è chiuso con un utile netto in calo del 44% a 23 milioni su un fatturato di 256 milioni, sostanzialmente stabile a prezzi correnti rispetto a un anno prima. La società vede ora un incremento dei ricavi inferiore a quanto attendeva finora e, di conseguenza, una riduzione dei profitti netti e operativi rispetto all'esercizio precedente.

La scorsa estate il gioielliere romano aveva già limato le stime, indicando per fatturato e per utili, sia operativi sia netti, un range di crescita nel 2008 tra l'8 e il 10%, rispetto alla precedente previsione di +8-12%.

Cazenove (rating "in-line") giudica il terzo trimestre "molto deludente" e prevede ora una crescita dell'1,9% delle vendite per l'anno in corso.

Risultati "ben al disotto delle attese" per Jp Morgan che conferma "neutral" ma lima il target price a 5,1 da 5,6 euro. "Significativo il profit warning dopo un marcato deterioramento del business a settembre e ottobre", scrive la banca d'affari nello studio.   Continua...