PUNTO 2 - Indesit vede ricavi 2011 a +2% in mercato incerto

mercoledì 27 luglio 2011 17:59
 

(riscrive con dettagli da conference call)

MILANO, 27 luglio (Reuters) - Indesit IND.MI vede rallentare la crescita nel secondo trimestre, condizionato da un impatto negativo delle valute e dei costi delle materie prime, e alla luce di un contesto di mercato europeo non brillante stima prudentemente un aumento dei ricavi nell'intero anno limitato al 2%.

Per la seconda parte dell'anno il gruppo prevede un mercato ancora sfavorevole nell'Europa Occidentale - dove l'Italia spicca in negativo - e in crescita più moderata nell'Est Europa, la regione che in passato aveva fatto da traino ai risultati del produttore di elettrodomestici di Fabriano.

Le previsioni, inferiori al consensus, pesano sul titolo in una giornata particolarmente negativa per tutto il mercato. Le azioni chiudono in calo del 3,66% a 5,66 euro con volumi poco sopra la media.

Per il resto dell'anno e' inoltre atteso un impatto negativo delle valute superiore al secondo trimestre e dei costi d'acquisto in linea con i trimestri precedenti. In tale scenario, per l'esercizio 2011 Indesit stima di poter realizzare un fatturato in crescita di circa il 2%: 2,93 miliardi, secondo quanto ha calcolato nella conference call sui risultati l'AD Marco Milani, cifra che si confronta con i 3,02 miliardi delle stime Thomson Reuters Ibes.

Il margine operativo (Ebit) percentuale sul fatturato è visto intorno al 5%.

Nel primo semestre l'utile netto sale del 16,6% a 32 milioni di euro su ricavi per 1,32 miliardi (+3,9%, +4,6% a cambi costanti). Sul fronte del fatturato i benefici sono derivati in particolare dai maggiori volumi di vendita dei prodotti finiti e dal miglioramento del price/mix, che hanno più che compensato l'effetto negativo delle valute.

L'Ebit si attesta a 63,5 milioni, pressochè stabile rispetto ai 64 milioni dei primi sei mesi del 2010.   Continua...