Mediaset, utile 2011 in calo senza ripresa pubblicità - Cfo

giovedì 30 giugno 2011 10:06
 

COLOGNO MONZESE, 30 giugno (Reuters) - Mediaset (MS.MI: Quotazione) chiuderà il 2011 con un utile netto in calo se non ci sarà una ripresa della raccolta pubblicitaria.

Lo ha detto il Cfo Marco Giordani parlando ieri sera in occasione della presentazione dei palinsesti d'autunno.

Il gruppo rivede così le stime di crescita dell'utile confermate meno di due mesi fa e legate alle speranze di una seconda parte dell'anno in ripresa sul fronte della pubblicità. Una settimana fa il gruppo ha lanciato un allarme sulla raccolta, prevedendo un lieve calo nel primo semestre e una secondo parte dell'anno sostanzialmente in linea.

Il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi ha comunque confermato la politica sui dividendi del gruppo e ha sottolineato che il risultato netto dell'anno sarà "vicino" ai numeri del 2010. "Non crediamo che la nostra politica sui dividendi debba cambiare", ha dichiarato.

Giordani ha specificato che i ricavi pubblicitari in Italia sono scesi nel primo semestre del 2-2,5% e quelli della sola Tv free-to-air si sono contratti del 3-3,5%.

"I costi stanno crescendo e i ricavi scendendo, questo significa che l'utile diminuirà a fine anno se non si riprende la pubblicità", ha detto il manager confermando le stime di crescita dei costi televisivi del 3%.

La situazione del mercato pubblicitario in Spagna, dove il gruppo è presente con Mediaset Espana (TL5.MC: Quotazione), è "molto peggiore" dell'Italia, ha continuato Giordani. Mediaset ha previsto un calo del 4-5% del mercato italiano nei primi sei mesi dell'anno.

Sulla pay Tv, il vicepresidente ha detto che "oggi siamo a circa 2 milioni di abbonamenti, con un incremento di 300.000 nei primi sei mesi dell'anno".

  Continua...