Datalogic presenta nuovo piano a 2013, alza target al 2012

lunedì 27 giugno 2011 16:00
 

MILANO, 27 giugno (Reuters) - Datalogic (DAL.MI: Quotazione) rivede al rialzo gli obiettivi al 2012 per i ricavi del 5%, l'Ebitda del 21% e l'utile netto del 63% circa rispetto al precedente piano industriale e stima per l'Ebitda una crescita media annua intorno al 45% e di oltre l'11% dei ricavi nel periodo 2009-2013.

E' quanto prevede il piano 2011-2013 della società specializzata in lettori di codici a barre e tecnologia Rifid, che va a sostituire il precedente piano industriale 2010-2012 approvato lo scorso ottobre e del quale "conferma i driver strategici di creazione del valore".

Il piano, in generale, prevede un rafforzamento "competitivo" nei mercati di riferimento - Automatic Data Capture e Industrial Automation - lo sviluppo nei paesi emergenti e "un forte miglioramento dell'efficienza e della produttività industriale".

Nel dettaglio, i ricavi sono visti a fine piano a 470-480 milioni dai 392,7 milioni del 2010, l'Ebitda a 80-85 milioni dai quasi 50 milioni dello scorso esercizio con un margine di Ebitda al 17-18% dal 13%, un Roe al 23-24% dal 14% del 2010 e una posizione finanziaria netta, al lordo dei dividendi attesi, positiva per 15-20 milioni dall'indebitamento di 76 milioni dello scorso anno.

Nel precedente business plan Datalogic aveva stimato al 2012 ricavi tra 420-430 milioni di euro (+11% di Cagr), Ebitda tra 60 e 65 milioni (oltre +45% di Cagr) ed Ebitda margin tra 14 e 15%.

Il piano sarà illustrato al mercato mercoledì prossimo a Milano.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato in forma integrale cliccando su [ID:nBIA2752c].