Pop Milano, pesante in borsa su timori rilievi Bankitalia

martedì 7 giugno 2011 12:15
 

MILANO, 7 luglio (Reuters) - Pop Milano PMII.MI è in forte ribasso a Piazza Affari sui timori legati alle osservazioni di Bankitalia sul rischio creditizio dell'istituto riportate da indiscrezioni stampa.

Attorno alle 11,55 il titolo della banca di Piazza Meda è nn ribasso del 4,5% a 1,691 euro ai nuovi minimi annuali, evidenziando di gran lunga la peggiore performance dell'indice principale della borsa milanese .FTMIB che viaggia sulla parità.

Bpm è in decisa controtendenza anche rispetto al settore bancario che in Europa è piatto. Scambi sul titolo, per 11,3 milioni, superiori alla media di seduta (8,5 milioni).

"Dall'ispezione di Bankitalia sarebbero emerse incongruenze sui crediti a rischio e questo pesa sull'andamento del titolo oggi", dice un trader.

Un'analista del settore osserva tuttavia che "il fatto che la Banca d'Italia abbia effettuato dei rilievi sia sulle classificazioni dei crediti che sulle procedure di controllo era già noto. Proprio per questo motivo è stato chiesto alla banca di fare un aumento di capitale fino a 1,2 miliardi",

La Repubblica ha scritto oggi che gli ispettori dell'autorità di vigilanza hanno riscontrato delle irregolarità, in particolare per quanto riguarda le esposizioni sui clienti.

In particolare, dettaglia il quotidiano citando il verbale ispettivo che è stato visionato, "le verifiche a campione hanno fatto emergere sofferenze, incagli, ristrutturazioni e previsioni di perdite rispettivamente per 736,8 milioni, 1.460,4 milioni, 742,5 milioni e 810,7 milioni, con differenze rispetto alle risultanze interne di 98 milioni, 454,7 milioni, 491,1 milioni e 162,4 milioni", per un totale di 1,206 miliardi.

"Non penso che si tratti di cifre completamente nuove. E come se avessero fatto emergere una differenza che poi andrà ad essere coperta con l'aumento di capitale. La reazione del mercato mi sembra esagerata, dettata dall'emotività", commenta l'analista.

In riferimento alle indiscrezioni, Pop Milano in una nota ha precisato che "il bilancio annuale 2010 e la prima trimestrale 2011 riflettono già le osservazioni dell'Organo di Vigilanza".

La banca ha confermato inoltre la convocazione di un Cda oggi sulle controdeduzioni all'ispezione di Banca d'Italia conclusosi a marzo 2011.

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Pop Milano, pesante in borsa su timori rilievi Bankitalia | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,930.26
    -0.67%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,165.83
    -0.58%
  • Euronext 100
    1,017.27
    -0.03%