Carige, piano non include aumenti capitale, payout visto stabile

martedì 17 maggio 2011 17:28
 

MILANO, 17 maggio (Reuters) - Il piano industriale al 2014 di Banca Carige (CRGI.MI: Quotazione) non prevede operazioni straordinarie, né di aumento di capitale né di M&A, mentre promette una politica di dividendi costante con un pay-out attorno al 70%.

Lo ha specificato il direttore generale dell'istituto ligure, Ennio La Monica, nel corso della presentazione del piano industriale.

"Nel piano non abbiamo considerato nè operazioni di aumento di capitale né acquisizioni", ha detto La Monica aggiungendo che se si presenteranno occasioni di M&A sul mercato "le valuteremo come sempre abbiamo fatto, volta per volta".

Il piano industriale si pone un obiettivo di un utile netto consolidato nel 2014 pari a 263 milioni, con una Cagr del 10,1% sul 2010 tramite uno sviluppo di crescita organica.

I target del piano consentiranno al contempo una remunerazione "adeguata" agli azionisti.

"La politica che abbiamo sempre seguito è quella di offire rendimenti costanti e il piano prevede una continuità di questa politica di dividendi", ha spiegato il direttore generale.

"Negli ultimi anni abbiamo avuto un pay-out attorno al 70% e non credo che ci discosteremo molto", ha quindi specificato.

In tema di patrimonializzazione l'obiettivo è di raggiungere, attraverso la crescita organica, un common equity ratio all'8% già a fine 2013 includendo i benefici della conversione del prestito obbligazionario 2010-2015 soft mandatory, convertibile a partire da settembre 2011.

La Monica ha spiegato che ci sono ulteriori elementi non inclusi nel piano che potrebbero fornire benefici sui ratio nei prossimi anni: la validazione di un sistema di rating interni; il riconoscimento, almeno parziale, degli avviamenti; il trattamento del rischio assicurativo in ottica conglomerato

Il gruppo potrebbe procedere ad ulteriori misure di rafforzamento per cogliere le opportunità che dovessero presentarsi in caso di "eventuali svuluppi importanti sul mercato", ha concluso La Monica.

(Andrea Mandalà)