UniCredit, nessun timore di ripercussioni da crisi greca - Rampl

mercoledì 11 maggio 2011 14:52
 

MILANO, 11 maggio (Reuters) - UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) non è preoccupata su possibili ripercussioni per la banca dall'acuirsi della crisi della Grecia, anche in relazione a un eventuale default del paese.

Lo ha detto il presidente Dieter Rampl interpellato all'ingresso della sede di Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione) dove sta per iniziare il Cda sui conti del terzo trimestre.

"Non c'è assolutamente alcuna preoccupazione a riguardo", ha detto Rampl ricordando che UniCredit ha già comunicato la sua esposizione verso la Grecia.

In generale il caso della Grecia - ha detto Rampl - rappresenta "una situazione difficile per l'Europa" anche se un default "è improbabile".

(Gianluca Semeraro)