SINTESI-Saipem, in 2011 conti record,Meomartini verso presidenza

mercoledì 4 maggio 2011 15:51
 

(Riscrive, aggiunge altri dettagli, dichiarazioni)

* Nessuna acquisizione in vista

* Offshore, prospettive interessanti: Galsi e South Stream

* Titolo debole in Borsa. Cede l'1,3%

di Giancarlo Navach

SAN DONATO, Milano, 4 maggio (Reuters) - Nessun acquisizione in vista per Saipem (SPMI.MI: Quotazione), società di ingegneria e costruzioni del gruppo Eni (ENI.MI: Quotazione), mentre il portafoglio ordini, oggi sugli stessi livelli di fine marzo pari a 20,5 miliardi di euro, è atteso in decisa crescita per quest'anno e nei prossimi anni grazie a nuovi sviluppi nelle perforazioni sia a terra che a mare in tutto il mondo.

L'anno si chiuderà con risultati record, ricalcando quelli del 2010 - utile netto adjusted record di 828 milioni di euro, in crescita del 13,1% per un dividendo complessivo di 63 centesimi per le ordinarie e a 66 centesimi per le risparmio - mentre torna a un ruolo operativo Alberto Meomartini, attuale presidente di Assolombarda eletto nel board insieme al presidente delle Generali (GASI.MI: Quotazione) Gabriele Galateri di Genola, e quasi certamente prossimo presidente di Saipem.

"Nel Cda di lunedì prossimo Meomartini sarà eletto presidente", ha confermato al termine dell'assemblea che ha approvato il bilancio 2010, l'AD Pietro Franco Tali. L'ex presidente di Snam Rete Gas (SRG.MI: Quotazione) - attuale presidente di Gnl Italia, la società che gestisce il rigassificatore ligure di Eni a Panigaglia - resterà in carica insieme a tutto il consiglio fino all'approvazione del bilancio 2013.   Continua...