May 4, 2011 / 1:08 PM / 6 years ago

PUNTO 1 - TI Media riduce perdita trimestre, ricavi -8,1%

3 IN. DI LETTURA

(Riscrive parzialmente, aggiunge dettagli)

MILANO, 4 maggio (Reuters) - TI Media TCM.MI chiude il primo trimestre con una perdita netta di 9,2 milioni di euro dal rosso di 11,1 milioni di un anno prima.

I ricavi consolidati raggiungono i 52,3 milioni, in calo dell'8,1% a causa - spiega una nota - della riduzione dei ricavi dell'Operatore di Rete per la cessazione delle attività di Dahlia TV e, in misura minore, della flessione dei ricavi di MTV. "Tale calo è stato in parte attenuato dalla crescita dei ricavi pubblicitari di La7 (+6 milioni di euro).

L'Ebitda è positivo per 1,9 milioni da 1,7 milioni un anno prima, l'Ebit, a valle degli ammortamenti del periodo, è pari a -12,7 milioni da -13,2 milioni.

L'indebitamento finanziario netto è pari a 146,1 milioni da 115,5 milioni a fine 2010.

Sale Raccolta Pubblicitaria la7

TI Media-La7 ha visto nel trimestre ricavi per 33,4 milioni (+21,9%). La raccolta pubblicitaria lorda complessiva è salita a 43,3 milioni (+36,6%) grazie anche al nuovo canale La7d che ha contribuito per 2 milioni.

L'audience share media giornaliera di La7 ha raggiunto il 3,42% (+25,7%), miglior risultato di sempre.

I ricavi di MTV scendono a 13,7 milioni da 17,4 milioni (-8,9% la raccolta pubblicitaria).

I ricavi dell'operatore di rete sono scesi a 12,8 milioni da 20,1 milioni, principalmente a causa della cessazione delle attività di Dahlia TV, che è stata messa in liquidazione lo scorso gennaio. Nel primo trimestre 2010 i ricavi verso Dahlia erano stati di 7,3 milioni.

Redditivita' 2011 in Linea Con 2010

Telecom Italia Media si attende nel primo semestre "una flessione dei ricavi e della redditività operativa, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, a causa degli effetti sull'Operatore di Rete della mancanza dei ricavi del cliente Dahlia, in parte compensata dall'incremento della raccolta pubblicitaria di La7". Nella seconda parte dell'esercizio è previsto un recupero di ricavi e redditività che "consentirà prevedibilmente di raggiungere entro la fine del 2011 una redditività sugli stessi livelli del 2010".

Crescerà poi l'indebitamento finanziario netto "in conseguenza del fabbisogno per investimenti per il completamento dell'infrastruttura digitale legata allo switch-off e del minor beneficio da consolidato fiscale rispetto al 2010".

Per leggere il comunicato integrale della società i clienti Reuters possono cliccare su [ID:nBIA04c38]

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below