Unicredit, uscita Profumo legata a risultati, Libia - Rampl

venerdì 29 aprile 2011 18:31
 

ROMA, 29 aprile (Reuters) - I tempi erano maturi per un cambio di leadership in Unicredit (CRDI.MI: Quotazione) e l'uscita di scena di Alessandro Profumo lo scorso settembra è stata legata ai risultati economici conseguiti dalla banca ma anche alla tempistica dell'informazione sulla crescita della quota dei soci libici nel capitale.

E' questa la riscostruzione fatta dal presidente Dieter Rampl nel corso dell'assemblea di bilancio rispondendo alla domanda dei soci.

"Senza disconoscere i meriti di Profumo negli ultimi tredici anni, i tempi erano maturi per dare fiducia ad un altro Ceo", ha detto Rampl, spiegando che la vicenda su Profumo va inserita in un quadro di mutato contesto di crisi economica generale, di tensione sulla governance e di differenti visioni interne al management.

Relativamente all'impatto della questione sulla crescita delle partecipazioni dei soci libici nel capitale della banca, Rampl ha spiegato che "sarebbe stato importante per noi sapere tempestivamente dell'aumento della partecipazione degli azionisti libici".

Tuttavia, ha proseguito Rampl, l'atteggiamento dei consiglieri "è cambiato" alla luce del peggioramento dei risultati di bilancio e al prefigurarsi di una situazione che avrebbe potuto richiedere un aumento di capitale.

Una volta che l'ipotesi di uscita di Profumo ha raggiunto un piu' ampio consenso p"si è concordato di arrivare ad una risoluzione consensuale piuttosto che unilaterale".

(Andrea Mandalà)