S.Raffaele, piano industriale vede fatturato a 800 mln in 2014

venerdì 29 aprile 2011 17:15
 

MILANO, 29 aprile (Reuters) - Il Cda della Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor, la società che controlla tutte le attività ospedaliere e di ricerca del San Raffaele, ha approvato oggi un nuovo piano industriale quadriennale che porterà nel 2014 a un fatturato di 800 milioni di euro e a "un significativo incremento della marginalità operativa".

Il piano, si legge in una nota, fa parte integrante del piano di ristrutturazione finanziaria e di riorganizzazione societaria le cui linee guida sono già state esaminate e che sarà reso noto, insieme al bilancio 2010, nella seconda metà di maggio; tale piano prevede l'integrale pagamento di tutti i debiti.

Il fatturato 2010 del San Raffaele "è stimabile intorno ai 630 milioni", mentre l'indebitamento - che la stampa ha indicato tra i 600 milioni e il miliardo di euro - "non dovrebbe discostarsi molto dagli 800 milioni", ha detto un portavoce del gruppo.

Il piano industriale conferma il presidio di tutte le attività attualmente svolte dal San Raffaele nei settori assistenziali e della ricerca e prevede, oltre al recupero dell'efficienza gestionale, una decisa riorganizzazione in cui rientra la dismissione di Ville Turro e di tutte le attività non core. Resterà nel perimetro del gruppo l'ospedale di Olbia, la cui attività sarà avviata entro la fine dell'anno.